Come stampare da smartphone Android, senza PC, via Wi-Fi e USB

Volta: 21/Jul Di: kenglenn 403 Visualizzazioni

Come stampare da smartphone senza PC dunque senza dover per forza passare dal computer avanzando in tempo e fatica? La procedura è molto più semplice di quanto potrebbe sembrare visto che il sistema operativo Android è già predisposto di sua natura a collegarsi direttamente con le stampanti senza dover passare dal tramite del PC grazie a Google Print. L’iter si può portare a termine dall’app che si sta utilizzando in quel determinato momento sia essa il Browser per Internet così come il Visualizzatore PDF.Come stampare da smartphone Android, senza PC, via Wi-Fi e USB

Tuttavia, molte stampanti non sono compatibili con questa tecnologia e per questo motivo è necessario andare a sfruttare espedienti che possono riguardare ad esempio applicazioni oppure servizi esterni che permettono di ovviare alla situazione direttamente dal cellulare intelligente, facciamo un po’ di ordine. Vediamo quindi come stampare da smartphone Android, senza un PC, utilizzando il Wi-Fi e l’USB con prodotti di Google, Samsung, Huawei, HONOR, Xiaomi, Redmi, POCO, OnePlus, Nokia, LG, ASUS, Motorola, Sony, OPPO, Realme, HTC e Meizu.

Che cos’è e come funziona Google Print

C’è un servizio che si chiama Google Print e che è il punto di riferimento per andare a stampare dallo smartphone senza dover passare dal computer. Una funzionalità integrata (ma si può scaricare da qui se non è presente) che sfrutta come sponda la rete Wi-Fi per mantenere in coda pronti a essere stampati tutti i documenti dal dispositivo mobile.

La stampante deve essere dotata di modulo Wi-Fi per sfruttare l’applicativo online Google Cloud Print passando dal browser Google Chrome per sistema operativo Windows oppure Mac. Serve solo l’utenza di Google, la stessa che si usa anche su Android. Per scoprire se la stampante sia compatibile, si deve visitare la pagina Stampanti cloud cercando produttore e modello. Se c’è allora è in grado di collegarsi al cloud e se appare la sigla “V2” allora è di tipo cloud 2.0, mentre se non è presente ma ha comunque il modulo Wi-Fi allora è possibile comunque configurarla. Se non ha rete Wi-Fi allora non c’è possibilità di proseguire.Come stampare da smartphone Android, senza PC, via Wi-Fi e USB

Per configurare una stampante di tipo V2 ossia Cloud 2.0 ecco la procedura

  1. Apri Chrome sul PC;
  2. Digita “chrome://devices” e conferma;
  3. Cerca la tua stampante nella sezione “Nuovi dispositivi”;
  4. Seleziona Gestisci accanto alla tua stampante;
  5. Seleziona Registrati nella casella “Conferma registrazione”;
  6. Segui i passaggi infine clicca su Registrati oppure OK;
  7. Ora vai sul sito ufficiale sul computer e fai clic su Stampanti.

Se la stampante è di tipo cloud 1.0 allora si dovrà passare necessariamente dal sito del produttore con le istruzioni che possono essere anche spiegate nel manuale d’acquisto e/o dal CD di installazione.

Come configurare Google Print

Per configurare la stampante e associarla alla propria utenza di Google per una stampa diretta e senza fili bisogna seguire il semplice iter riassunto qui sotto:

  1. Fai accesso con l’account Google su Chrome;
  2. Seleziona il menu con i tre puntini in alto a destra;
  3. Seleziona le Impostazioni;
  4. Seleziona Mostra impostazioni avanzate;
  5. Seleziona Gestisci e Google Cloud Print;
  6. Clicca Aggiungi stampanti e seleziona la stampante di casa.

Il gioco è fatto. Da quel momento, tutte le volte che si vorrà stampare e la stampante sarà connessa in rete si potrà sfruttarla dallo smartphone aprendo le impostazioni dell’app in uso e selezionando “Stampa”. Ad esempio da Documenti di Google oppure dal Visualizzatore di PDF o ancora dallo stesso Chrome.

Le opzioni di Google Print

Per usare l’app Google Print si possono sfruttare tutti quei comandi che di solito sono accessibili dal software per computer relativo alla stampante. Dunque, una volta selezionato il comando di stampa si può scegliere il numero di copie, il formato di carta, se a colori o no, l’orientamento e le pagine da stampare. Dal computer, collegandosi alla pagina apposita viene visualizzata la coda di stampa.

Sarà anche possibile condividere la propria stampante senza fili con eventuali ospiti in casa o in ufficio per stampa immediata senza andare a installare nulla. La procedura molto semplice:

  1. Apri Chrome;
  2. Accedi con la stessa utenza di Google usata in configurazione
  3. Visita sul sito ufficiale;
  4. Seleziona la stampante;
  5. Seleziona Condividi.
  6. Inserisci indirizzo Gmail o il gruppo Google con cui condividere la stampante.
  7. Clicca su Condividi

Si può anche elevare una persona o un gruppo al ruolo di amministratore cambiando il privilegio da Può stampare a Privilegi di gestione dopo il punto 6.

Stampare senza PC con Mopria

Se il computer possiede il sistema operativo Windows 10 e al momento della stampa non si potessero trovare i driver di installazione della stampante allora si può passare dall’applicazione gratuita Mopria che si scarica da Google Play e che consente di poter bypassare questo impasse. Installata l’app Mopria Print Service si può avviarla, scansionare alla ricerca della stampante dunque aggiungere la stampante (Epson, Canon, Samsung, Sharp, Toshiba, Kyocera, ecc…).

Le altre app per stampare dallo smartphone

È possibile andare a sfruttare anche le applicazioni proprietarie delle varie stampanti scaricando i software più popolari come:

Ognuna ha un’interfaccia utente differente, ma ciò che viene condiviso è la possibilità di poter configurare al meglio e con grande precisione le opzioni di stampa.

Stampare foto da smartphone tramite app esterne

C’è anche un’altra opzione ossia quella di inviare le immagini o i documenti da stampare a servizi esterni ricevendoli poi comodamente a casa. Naturalmente, a pagamento, ma ci sono varie opzioni gratuite. Una soluzione interessante soprattutto per chi vuole avere una collezione fisica e tangibile delle proprie foto “vecchio stile”.

Insomma, le possibilità non mancano e non è necessario doversi recare fisicamente in un negozio, ma basta sfruttare questi servizi dallo smartphone o tablet Android.