DDAY.it DDAY.it Facebook e Instagram contro iOS 14.5: senza il tracciamento le app potrebbero diventare a pagamento

Volta: 07/Jan Di: kenglenn 409 Visualizzazioni

Tweet

L’arrivo della versione 14.5 di iOS è stata una vera e propria pietra miliare per quel che riguarda la privacy. Come abbiamo visto, per attivare il tracciamento pubblicitario dell’utente che le usa, le applicazioni ora sono obbligate a ottenere l’esplicito consenso dell’utente. Ci sarà dunque una finestra pop-up che informerà l’utente dell’attività di tracciamento, con quest’ultimo che potrà decidere facilmente di negare il permesso e disattivare il tracciamento.

iOS 14.5, come cambia la gestione della privacy e perché è importante per gli utenti

Vai all'approfondimento

La voce più critica contro questo nuovo sistema di gestione del consenso al tracciamento è stata sicuramente quella di Facebook, con il CEO Mark Zuckerberg che è arrivato ad acquistare intere pagine su alcuni dei più importanti giornali americani per spiegare come avviene il tracciamento e, soprattutto, perché è fondamentale per l’azienda americana.

Il tracciamento, secondo Facebook, è necessario per mantenere il social gratuito

Continuando con questa operazione che potremmo definire di moral suasion, le app di Facebook e Instagram hanno iniziato a mostrare degli avvisi sull’importanza del tracciamento degli utenti, tirando in ballo la gratuità dei due social network.

DDAY.it DDAY.it Facebook e Instagram contro iOS 14.5: senza il tracciamento le app potrebbero diventare a pagamento

Come possiamo vedere dalle immagini, la pagina informativa dei due social spiega che gli utenti dovrebbero accettare il tracciamento per ottenere annunci pubblicitari più vicini ai propri interessi, per mantenere Facebook e Instagram gratuiti e per supportare le aziende che contano sugli annunci personalizzati per raggiungere il loro target.

Le nuove schermate, che Facebook ha definito “schermate educative”, giungono a corollario di un memo interno – diventato pubblico nei giorni scorsi – che analizza come l’arrivo di iOS 14.5 avrà un impatto negativo sulle campagne pubblicitarie sul social network.

In futuro potrebbe esserci una versione a pagamento di Facebook o Instagram?

In chiusura, il mettere la raccolta dei dati personali come condizione per la gratuità di Facebook ha portato più di qualche analista ad immaginare che possa arrivare una versione a pagamento del social network.

iOS 14.5 avrà un impatto negativo sulle campagne pubblicitarie di Facebook. Lo rivela un memo interno

Vai all'approfondimento

Fra gli indizi portati a sostegno della tesi, c’è anche la rimozione di ogni accenno alla gratuità dalla home-page di Facebook, che una volta indicava come il social network sarebbe stato libero e gratis per sempre.

Nella famosa deposizione di Mark Zuckerberg al Congresso poi, a precisa domanda il giovane dirigente ha puntualizzato che “ad ogni modo, esisterà sempre una versione gratuita di Facebook”, facendo quindi immaginare che potrebbe essere rilasciata anche una versione non gratuita al fianco di quella attualmente in uso.