iPhone 13, più difficile sostituire il display per i riparatori di terze parti

Volta: 27/Nov Di: kenglenn 451 Visualizzazioni

Modifiche nel design dello schermo di iPhone 13 renderanno più difficile per i riparatori di terze parti sostituire il display. Lo riferisce Phone Repair Guru su YouTube, spiegando che smontare il dispositivo non è difficile ma la sostituzione di uno schermo danneggiato potrebbe impedire il funzionamento di FaceID.

La necessità di sostituire il display è un problema comune tra i riparatori di smartphone. Con l’iPhone 13, a quanto pare, questo tipo di riparazione può essere effettuato solo da Apple o centri di assistenza autorizzati.

Stando a quanto riferisce il canale Phone Repair Guru su YouTube, la sostituzione di un display con un display identico di un diverso iPhone 13, funziona; all’utente viene ad ogni modo mostrato un avviso riferendo che il componente non è genuino e il Face ID non è disponibile.

Sostituire il display sembra al momento problematico ma è invece possibile intervenire per componenti quali: microfono, sensore di prossimità e sensore di luce ambientale.

iPhone 13, più difficile sostituire il display per i riparatori di terze parti

Il messaggio che appare dopo avere sostituito il display anche con un prodotto originale, significa che c’è qualche procedura da attivare per fare in modo che il display venga riconosciuto come valido, qualcosa che – almeno al momento – conoscono solo i centri di assistenza autorizzati.

Non è la prima volta che la sostituzione di un display su iPhone diventa problematica per il bastone tra le gambe di Apple. Nel 2018, un aggiornamento a iOS 11.3 bloccava le funzionalità touch degli iPhone 8 di alcuni utenti che utilizzavano display aftermarket; in alcuni casi erano stati segnalati l’impossibilità di sfruttare la luminosità automatica e il sensore di luce ambientale era disattivato.

La nuova difficoltà con la sostituzione del display di iPhone 13 arriva in un momento nel quale le varie aziende sotto il cappello del cosiddetto “Right to Repair” combattono con Apple per cercare di ottenere il diritto alla riparazione, cercando di obbligare i vari produttori (non solo Apple ma anche altri) a rispettare criteri di progettazione e montaggio per dispositivi che siano facili da riparare anche dall’utente stesso e di distribuire parti di ricambio e istruzione per la riparazione.