Samsung dirà addio ad Android? È in arrivo un nuovo sistema operativo Samsung dirà addio ad Android? È in arrivo un nuovo sistema operativo

Volta: 03/Aug Di: kenglenn 442 Visualizzazioni

Gli smartphone Samsung del futuro potrebbero non eseguire più il sistema operativo Android. A (ri)lanciare il rumor è il leaker e appassionato di tecnologia Dohyun Kim, che attraverso il suo account Twitter rende note alcune info interessanti su come saranno (o potrebbero essere) i telefoni della casa sudcoreana a partire dal 2024.

Diciamo dal 2024 perché lo stesso leaker fa sapere che il cambiamento non sarà repentino: “Non siate troppo eccitati”, mette in guardia, “ci vorranno alcuni anni prima che Samsung lo adotti”.

Nello specifico, Samsung dovrebbe adottare Fuchsia, il nuovo sistema operativo made in Google che prenderà il posto di Android almeno su alcuni smartphone. Il punto di forza di questo OS è che è open source e che – a differenza di Android – non utilizza il kernel Linux ma un nuovo kernel chiamato Zircon. Fuchsia potrebbe essere implementato non soltanto sui telefoni: questo OS, infatti, è pensato per adattarsi facilmente a un’ampia gamma di dispositivi intelligenti, dagli indossabili ai computer passando ovviamente per i tablet. Di fatto, l’abbiamo già visto in versione 1.0 su tutti i Nest Hub di prima generazione.

Samsung dirà addio ad Android? È in arrivo un nuovo sistema operativo Samsung dirà addio ad Android? È in arrivo un nuovo sistema operativo

Al momento, Fuchsia “per smartphone” è ancora in lavorazione nei laboratori di Google. Samsung avrebbe contribuito allo sviluppo di Fuchsia quantomeno nella fase iniziale, e ora potrebbe essere la prima azienda a portarlo sui suoi prodotti. Non sappiamo ancora se Fuchsia OS sarà accompagnato da One UI o da un’altra skin proprietaria di Samsung.

Essendo coinvolta direttamente nello sviluppo, Samsung potrebbe ottenere un vantaggio non indifferente rispetto ai concorrenti. Questi ultimi, infatti, avranno pochissimo tempo per familiarizzare con le novità introdotte da Fuchsia. In ogni caso, ci si aspetta che il pubblico accolga bene questa transizione, anche perché Android ha sempre avuto alcuni problemi che Fuchsia potrebbe affrontare e gestire in maniera più efficiente.